In primo piano

Chi cammina la terra sa che l’importante non è arrivare, ma procedere, passo dopo passo. Camminare la terra è esprimere il nostro vivere in continuo movimento. Talvolta occorre fermarsi per riposare o per pensare e per gioire o per piangere, e alla fine ricominciare a camminare. Fermarsi anche per ricordare e rivivere la strada percorsa

(luigi veronelli)

Un po di Francigena : Collecchio-Fornovo

dopo aver a settembre percorso da Fiorenzuola a Fidenza (vedi qui), ho proseguito questo pezzo di Francigena ad Agosto, per scavalcare la Cisa e ripetere qualche pezzo e fare un pezzo di Francigena che avevo evitato mediante un percorso alternativo.

Come prologo una tappa di Pianura lungo il Taro. Niente di particolare (esiste un’altra variante collinare)

Dsc09002 Dsc09004 Dsc09005 Dsc09007

 

1981: la Nascita di MTV … ma nel 2021 la radio c’è ancora

Alla mezzanotte (ora di NY) tra il 1° e il 2 agosto 1981, cambiò la storia della musica e della TV.
Difficile spiegare ai giovani di oggi cosa fu la rivoluzione dei videoclip nella musica e nella cultura dell’epoca. Ci vorrebbero ore.
Il primo video trasmesso dopo il lancio dell’Apollo 11 fu “Video Kill the radio star” dei Buggles, un celebre video di due anni prima. Seguì “You Better Run” di una sensuale Pat Benatar e poi brani di Rod Stewart, Who, Ph:D. Curioso che la TV più americana della storia, trasmise nei primi 5 video, 4 brani di artisti britannici…
Oggi MTV è tutta un altra cosa e qualcuno dice che “You Tube Killed the video star”… e forse ha ragione….
 
ma c’è da dire che malgrado quello che pensavano i signori di MTV, la radio è sopravvissuta, MTV di fatto no….come il vinile che sopravviverà al CD e alle musicassette

Report

Report è un programma di disinformazione di massa, sovente eversivo, per un pubblico che si crede colto ma di modesta intelligenza; se non siete elettori dei 5 Stelle o dell’estrema sinistra non avete alcun motivo di guardarlo e di sprecare neuroni a criticarlo.

La Via degli Acquedotti

Dsc07668Una bella “due giorni” tra Lucca e Pisa. 

Un cammino che se ben allenati potrebbe anche essere fatto in un giorno.  La parte inziaile, sino a Vorno, potrebbe essere la parte iniziale di una variante ad una scialba tappa della Via Francigena ufficiale. 

Dsc07662Prima parte bellissima risalendo il corso dell’acquedotto ottocentesco che riforniva Lucca di acqua, sino alle “prese”. con cisterne e punti di confluenza che sembrano tempietti.

 (vedi di più) — Galleria)
Continua a leggere

ridateci la “250”

Nieto
Oggi vincere la GP2 è solo il gradino per passare alla GP1, l’unica classe che interessa ed ha peso ed interesse anche nei non patiti assoluti di motociclismo, cioè in quelli che non vivono masticando motociclismo dalla mattina alla Sera

Negli anni 70, 80, 90 molti piloti di motociclismo sono entrati nella storia e nel mito senza magari avere mai corso nella classe “maggiore” che allora si chiamava “500”. Penso a Angel Nieto (13 titoli mondiali tra 50 e 125), Valter Villa, Carlo Ubbiali, Ricardo Tormo, Carlos Lavado, Fausto Gresini, Jarno Saarinen e tanti altri.

  Continua a leggere

Brexit: anche nel calcio era comiciata male…

Da oggi la Brexit è definitiva. Ma per capire come in fondo era iniziata molto presto, occorre andare nei meandri della storia del calcio.

C’è un match, ingiustamente dimenticato, che forse simbolicamente dimostra che la Brexit era cominciata molto presto, sin dal Gennaio 1973, il mese stesso quando la Gran Bretagna entrò nella Comunità Economica Europea (come si chiamava all’epoca l’Unione Europea) o nel “Mercato Comune” come si diceva comunemente
Continua a leggere

Andranik e Alecko, storie di calcio tra due continenti

Eskandarian 2Parliamo di due giocatori di calcio, padre e figlio la cui storia non ha riempito le pagine delle gazzette sportive, ma che merita di essere raccontata. Partendo da un ricordo legato ad un nome e cognome strano e ad un difensore talentuoso che picchiava come un fabbro. Andranik Eskandarian .
Avevo tredici anni nel 1978, e quelli in Argentina, furono di fatto i primi mondiali di calcio che seguii con attenzione. Continua a leggere

Tre anni dopo

Quando fui in Argentina 3 anni fa, ritirai da un bancomat a Buenos uno dei primi biglietti da 1000 pesos. Erano così nuovi che non riuscivo a spenderli perché non me li volevano prendere, non conoscendoli, sopratutto nella cittadina dell'”Interior” dove vivono i miei parenti…. “El Hormero” (dal nome dell’uccello ritratto) era una grande novità. All’epoca valeva 50 euro.
Adesso ne vale 5 (anche se il governo kommunjak si ostina dire che ne vale 12)… Una svalutazione pazzesca per noi europei che ci lamentiamo dell’Euro…
Adesso la banconota di maggior valore in Argentina vale come quella più “scarsa” in Italia….
1000 pesos