Due generazioni di eroi…

Passo della Cisa: non è solo lo spartiacque tra due regioni, Toscana ed Emilia, ma c’è qualcosa di piu. Il passo della Cisa ha molte altre suggestioni: è l’inizio della parte Toscana della Via Francigena, è iil paradiso dei motociclisti e luogo di ricordi storico per le battaglie combattute sulla linea gotica nella seconda guerra mondiale.
Proprio questi due ultimi aspetti sono evidenziati da due monumenti, che segnano una differenza, se non un solco generazionale.
Sul lato toscano un monumento ricorda alcuni caduti della guerra di liberazione, eroi dei nostri padri e dei nostri nonni (almeno di una parte di essi).
Sul lato emiliano un monumento ricorda un altro tipo di “eroe”, un eroe della nostra generazione e di quelle dopo di noi, un più “futile” monumento a Marco Simoncelli.
Non do giudizi, è certo che le generazioni più giovani non solo non hanno vissuto la guerra e neppure la hanno vissuta i loro padri, e dunque buon per loro, devono trovarsi altri eroi.
Un segno dei tempi. Speriamo che duri (nel senso che continuiamo a non conoscere la guerra in casa nostra.
passo della cisa

Telefonami tra vent’anni

Questa canzone, non sapevo perchè ma già 37 anni fa mi piaceva molto… Adesso ad oltre 50 anni, forse l’ho capita …  forse la chiave sta in quell’idea, di non fermarsi mai, di muoversi, serenamente, senza frenesie, ma sempre vispi, sempre in giro, sempre allo stesso tempo coerenti ed un po innovativi…. ecco perché inconsciamente mi rimbombava durante il mio viaggi in Patagonia, straniero ed al tempo stesso di casa in un gruppo di 40 latinoamericani….
Continua a leggere

Un viaggio lungo 11.000 km (6) Patagonia Gallese e Peninsula Valdes

PATA1(clicca per vedere la galleria di immagini)

Arrivati a Puerto Madryn eccoci qui per due giorni di escursioni. La prima ci porta ad un tour nella Patagonia Gallese, colonizzata da immigrati britannici alla fine del 1800 (una storia che meriterebbe di essere approfondita…)  Anche se ormai i Gallesi realmente saranno si e no il 10% della popolazione, molto è rimasto di quell’epoca, dai nomi . Se volete (ma secondo me i costo non giustifica la cosa) potete anche recarvi in una “casa da tè” (visitata anche da Lady D) per un Te con dessert, tipicamente inglese.
Continua a leggere