Cimitero di Montecassino

Mi ha sempre colpito, tra le vicende della seconda Guerra mondiale, l’incredibile storia del secondo corpo polacco che combatte risalendo l’Italia tra il 44 e 45. Incredibile perché dietro c’è tutta la tragica storia della Polonia nella seconda Guerra mondiale. Erano circa 50.000 militari polacchi che al termine della spartizione della Polonia fatta tra Hitler e Stalin nel 1939, furono internati in Russia nei campi di concentramento. Solamente quando Hitler invase l’Unione Sovietica, questa , la Gran Bretagna gli Stati Uniti e diventarono alleati. Così nel 1942 gli inglese ottenero che questi militari polacchi venissero liberati dai russi e dopo un lungo viaggio attraverso l’iran e il Medio Oriente furono inquadrati nell’esercito alleato a partire dalla campagna d’Egitto e poi in Libia a Tobruk. Nel 1943 sbarcarono in Puglia e successivamente risalirono l’Italia con gli alleati l’Italia nella Guerra di liberazione e furono determinanti nella quarta battaglia di Montecassino e poi e furono i primi a entrare in Bologna liberata. Al termine della guerra però la maggior parte di questi non rientro’ in patria e quei pochi che lo fecero finirono deportati in Unione sovietica perché quasi tutti provenivano dalla parte orientale della Polonia quella che fu annessa all’Unione sovietica La maggior parte quindi scelse l’esilio emigrando in USA, Canada, Sudafrica, Australia e Gran Bretagna. Mi ha sempre colpito la storia di questa gente che ha combattuto per liberare una patri, la nostra, e poi alla fine si è ritrovato senza la propria. In patria erano considerati dei banditi e rimasero fedeli al governo polacco in esilio che non riconobbe mai il governo di Varsavia che era un fantoccio dell’Unione sovietica. Solo nel 1990 col ritorno della democrazia, pochi sopravvissuti ritorneranno in patria e il governo in esilio di Londra riconoscerà finalmente governo di Lech Walesa come legittimo .
Una storia terribile perché dietro ci sono violenze, stermini, deportazioni di milioni di persone … una pagina della storia che forse ci farebbe bene studiare.
118188650_10217665514294853_538934539673662041_n 118139207_10217665513814841_617037351577501962_n 117664898_10217665513134824_7093168157292304656_n 118155329_10217665512694813_3652662425796913232_n

AppiaTrail2020 : Bovillae-Genzano (tappa 2)

<<< prev      index     next >>>>
Dsc06297Seconda Tappa: da Santa Maria delle Mole si a Caste Gandolfo, sul lago di Albano, quindi Albano laziale, Ariccia (obbligo assaggiare la famosa Porchetta) e quindi Genzano

Tappa non lunghissima e tutta di Mattina. in pratica, considerando la tappa pomeridiana del gtiorno prima, oltre 36 km in meno di 24 ore…

AppiaTrail2020 : Roma-Bovillae (tappa 1)

<<< prev      index     next >>>>

Dsc06293Prima tappa di questo cammino, proseguimento della “la Lunga Marcia” completata nel 2019

Arrivato a roma il 2 agosto, parto subito per questa Tappa Pomeridiana che mi porta dal circo Massimo a Santa MAria delle Mole, frazie di Marino. Luogo dove sorgeva l’antica città di Bovillae

Lunghezza 19 Km

Per riferimenti , mappe e informazioni link :