Chi si crede intelletuale può dire c…a… gli altri no

Hanno scritto anche pagine stupende di satira musicale , anche su temi un po’ “grossier” (i.e. “Essere donna oggi” , con la presa in giro della pubblicità degli assorbenti femminili primi anni ’90 era stupenda, Senza dimenticare “la Terra dei cachi”.), ma troppo spesso indulgono nella autocelebrazione, nella volgarità fine a se stessa.

Poi però, “Elio e le storie tese”, sono diventati gli idoli dei giornalisti radical chic, pronti ad esaltare qualunque stupidaggine essi facciano.

Gli “elii” avrebbero bisogno di una buona cura di modestia , ma è difficile per chi è stato esaltato come genio per robettina degli utlimi anni come “Spalman” o “la canzone mononota”…

E sinceramente dopo più di vent’anni non ho ancora capito quale sarebbe la cifra artistica di “cara ti amo” e di “Spalman”

(clicca sull’imagine per leggere l’articolo)

Dimenticavo: i Club Dogo non li conosco, ma sicuramente hanno meno pretese di questi autoreferenziali intelletualoidi per eterni adolescenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.