Cuevas de los Manos

11000 km3

La Cueva de las Manos (che in spagnolo significa Caverna delle Mani) è una caverna situata nella provincia argentina di Santa Cruz. PAtrimonio dell’Unesco, è posta in un luogo oslato ed incantevole, che non ha da invidiare ai Canyon americani.

Essa è famosa (e infatti a questo deve il suo nome) per le pittore rupestri rappresentanti mani, che appartenevano al popolo indigeno di questa regione (probabilmente progenitori dei Tehuelche), vissuto fra i 9.300 e i 13.000 anni fa. Gli inchiostri sono di origine minerale, quindi l’età delle pitture rupestri è stata calcolata dai resti degli strumenti (ricavati da ossa) usati per spruzzare la vernice sulla roccia.

Le immagini delle mani sono spesso in negativo, e oltre a queste ci sono scene di caccia, esseri umani, lama, nandù, felini ed altri animali, nonché figure geometriche e rappresentazioni del sole. Dipinti simili, anche se in numero minore, sono presenti anche nelle caverne circostanti. Sul soffitto si trovano puntini rossi, ottenuti probabilmente da quelle popolazioni immergendo nell’inchiostro le bolas e tirandole successivamente verso l’alto. I colori usati per dipingere le scene variano dal rosso (ottenuto dall’ematite) al bianco, nero e giallo.

La maggior parte delle mani sono sinistre, il che suggerisce che i “pittori” tenessero gli strumenti che spruzzavano l’inchiostro con la destra. Le dimensioni delle mani sembrano quelle di un ragazzino di 13 anni ma, considerando che probabilmente esse sono più piccole di quanto non fossero in realtà, si pensa che le mani appartenessero a persone di qualche anno più vecchie: in questo caso potremmo trovarci di fronte ad un rito, lasciare l’impronta della propria mano sul muro della caverna (probabilmente sacra) poteva significare il passaggio dall’età infantile all’età matura.

Nel 1999 la Cueva de las Manos è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.